Gruppo Astrofili Volterra Benvenuti nel nostro Blog

Category Archives: Supernove

Periodo di Gigante Rossa

Quando il periodo principale della loro vita giunge al termine, tutte le stelle diventano Giganti Rosse, o nel caso di quelle più massicce Supergiganti Rosse.

Per tutto l’arco della loro lunga e stabile vita, le stelle producono radiazioni tramite la fusione nucleare: nel nucleo l’idrogeno fonde in elio; quando poi anche l’idrogeno del nucleo si esaurisce la stella diventa una gigante rossa.

A questo punto il nucleo si contrae e la stella si espande bruciando l’idrogeno nella parte esterna. Mentre la gigante rossa si ingrandisce la sua temperatura superficiale si raffredda, il nucleo invece si contrae e diventa più caldo iniziando così a bruciare elio.

Ma anche l’elio non è destinato a durare in eterno e quando ciò accade le stelle più massicce (il cui nucleo è bruciato a temperature sufficienti da fondere carbonio ed ossigeno) collassano su se stesse esplodendo e generano così una Supernova. Sarà questo il destino della Supergigante Rossa Betelgeuse (stella grande mille volte più del Sole).

Stelle delle dimensioni del nostro Sole avranno una fine meno spettacolare. Quando anche il Sole diventerà una Gigante Rossa (tra circa 5 miliardi di anni) diverrà almeno trenta volte più grande e mille volte più luminosa. Alla fine esaurito l’elio il nucleo collasserà in una nana bianca.

Lampi gamma nella polvere

I lampi gamma, le più grandi esplosioni cosmiche, hanno un lato ‘oscuro’. In diversi casi non sono infatti visibili dai telescopi da terra e ora si è scoperto perchè. Grazie alle osservazioni compiute con il telescopio cileno di Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (Alma).

Gli studiosi hanno ottenuto la prima mappa dei gas e delle polveri nelle galassie che ospitano i lampi gamma.

In questo modo hanno scoperto che l’oscuramento dei lampi gamma è dovuto alla presenza massiccia di polveri nella periferia della galassia. I lampi di luce gamma sono intense emissioni ad altissima energia osservate in galassie distanti, associati all’esplosione di stelle potentissime, le supernovae.

‘Si è scoperto così che alla periferia della galassia c’è moltissima polvere, che ‘oscura’ i lampi gamma, mentre il gas molecolare si trova solo intorno al centro.

Resti di una supernova in 3D

Il ‘cinema delle stelle’ dà un nuovo spettacolo in 3D: la protagonista è la supernova Cassiopea A, o meglio quello che resta della sua antica esplosione. I resti sono stati riprodotti per la prima volta in 3 dimensioni grazie ai dati raccolti dall’osservatorio a raggi X Chandra e dal telescopio Spitzer, della Nasa, nell’ambito di un nuovo progetto dello Smithsonian Institution di Washington. L’obiettivo del museo è digitalizzare in questa nuova veste sia le missioni scientifiche che gli oggetti.